Progetto #2 Foto e Recensione

Buonasera a tutti!

Oggi 20 novembre si chiude il progetto Kintsuglue, di cui vi ho parlato in questo articolo.

In questo post vi voglio mostrare alcuni utilizzi di questa colla durante la fase di test e a seguire farò una piccola recensione del prodotto. Buona lettura!

Come potete vedere l’uso di questo prodotto è molto personale e si adatta alle esigenze delle persone. Può essere usato per l’appunto per aggiustare andando a modellare la pasta nelle parti rotte dell’oggetto o semplicemente lo si può usare come colla e quindi per attaccare un qualsiasi oggetto ad una superficie.

Personalmente mi è piaciuta molto la consistenza al tatto che risulta essere molto morbida e di facile modellazione.  Anche l’odore mi ha colpito. Non è per nulla sgradevole e aveva una punta di mentolo. Per modellare bene questa pasta bisogna avere un po’ di manualità, altrimenti come nel mio caso, si rischia di aggiustare l’oggetto con una forma non perfetta e non gradevole alla vista. Un punto a sfavore è la non facile pulizia delle dita al termine dell’utilizzo, perchè  nonostante i ripetuti lavaggi il prodotto permane a lungo prima di essere rimosso totalmente.

Non avevo mai provato prima una colla simile e credo che in futuro potrei ricomprarla.

Essendo quindi rimasta piacevolmente colpita il mio voto è di 7 stelline su 10!

E voi avete provato il prodotto? Come l’avete utilizzato?

Vi mando un bacio e al prossimo articolo.

 

Annunci

Progetto #1 Pacco e Presentazione

Buonasera a tutti!!

è con grande piacere che ritorno a scrivere su questo blog per presentarvi un progetto di passaparola tramite il sito DonnaD, al quale sto partecipando ormai da 1 settimana.

Nel pacco che mi è arrivato era presente:

  • 1 blister di Loctite Kintsugle di colore bianco con all’interno 3 sacchettini da 5gr ognuno di pasta modellabile.
  • 10 sacchettini da 5gr ognuno di pasta modellabile da distribuire ai propri collaboratori.

img_20181101_185827-01

Kintsugle è una pasta flessibile e modellabile che permette di riparare, costruire, proteggere e migliorare qualsiasi tipo di oggetto.

Esistono due colorazioni, bianca o nera. Possono essere sia verniciate che integrate tra loro.

E’ una pasta forte, resistente all’acqua, alle alte temperature, flessibile, modellabile e adesiva.  Può reggere fino a 20kg/2cm e può essere rimossa con l’aiuto di un coltello.

Nel prossimo articolo vi mostrerò alcune foto di applicazioni che ho provato direttamente, oppure dei miei collaboratori.

Vi lascio qua il link del sito dove potete trovare informazioni più dettagliate.

Un bacio e al prossimo articolo.

The Chemist – La specialista – Stephenie Meyer

IMG_20180306_003904-01.jpg

Non ho ancora capito se sono legata alla Meyer perché mi ricorda le emozioni che ho provato leggendo Twilight (ormai più di 10 anni fa) oppure se mi piace il suo stile di scrittura. In qualunque caso, quando è uscito il suo ultimo romanzo, a novembre del 2016, prima di comprarlo a prezzo pieno (ben 20 euro) in copertina rigida, senza riuscire ad aspettare l’edizione economica, ho resistito solo 2 mesi e ad inizio 2017 ho deciso che dovevo comprarlo.

Trama in copertina: ” Lei lavorava per il governo degli Stati Uniti, per un’agenzia così segreta che non ha neanche un nome. È un’esperta nel suo campo, ma adesso sa qualcosa che non dovrebbe sapere, e i suoi ex capi la vogliono morta. Subito. Non può restare a lungo nello stesso posto, né mantenere la medesima identità per troppo tempo, e l’unica persona di cui si fidava è stata uccisa. Quando le viene offerta la possibilità di mettersi in salvo, in cambio di un ultimo lavoro, lei accetta, ma nel momento in cui si prepara ad affrontare la sfida più dura, si innamora di un uomo. E sarà una passione che può soltanto diminuire le sue possibilità di sopravvivenza. Mentre tutto si complica, la Specialista sarà costretta a mettere in pratica il suo «talento» come mai prima. In un mondo in cui i rapporti di fiducia mutano di continuo, dovrà muoversi con ingegno e astuzia per proteggere se stessa e l’uomo che ama.

Questo è il primo romanzo della Meyer dove non ci sono elementi fantasy o fantascientifici. Si potrebbe definire come genere thriller/spionaggio.  La storia è ben sviluppata, con i giusti colpi di scena e un finale forse un po’ scontato, ma almeno che non lascia dubbi al lettore.

I personaggi sono ben caratterizzati. Il personaggio femminile è caratterialmente molto forte, freddo e non abbassa mai l’attenzione per riuscire a sopravvivere.  Durante lo sviluppo della trama il suo personaggio evolve e riesce a smussare alcuni lati del suo carattere. I personaggi maschili sono uno l’opposto dell’altro. Uno appare come il classico “sfigato” . Pauroso,  timido, sempre attento a fare la cosa giusta, sbadato, ma anche molto empatico e sentimentale. L’altro appare invece come un Rambo. Perfetto in tutto quello che fa, forte, coraggioso, ha sempre la risposta pronta, poche parole e tanti fatti, presuntuoso, antipatico e permaloso.

La scrittura della Meyer scorre velocemente. Poche descrizioni, tanti dialoghi e molta introspezione dei personaggi.

Nonostante sia comunque una trama molto simile ai film d’azione americani, con alcune scene molto inverosimili si è meritato 4 stelline su 5 su Anobii.

E voi l’avete letto? Vi è piaciuto?

Io vi mando un bacio e al prossimo articolo

 

 

Trattamento Viso Semi – Bio Mattina #5 – #5.1 – #6

Dopo mesi di assenza dal blog per motivi tecnici ritorno ancora più carica ed entusiasta di prima!!

In questo nuovo articolo vi mostro i prodotti che ho utilizzato durante il trattamento viso mattina durante il periodo primaverile, estivo e autunnale.

Primo trattamento:

  • acqua micellare So’ bio etic con aloe vera – rosa e bisabolol
  • contorno occhi Neobio anti age, ricevuto nel calendario dell’avvento del giorno 21 e già recensito in questo articolo. Riconfermo che mi piace molto e ho già inserito il prodotto nel carrello per il prossimo acquisto.
  • crema viso Equilibra con aloe vera

IMG_20170520_025805.jpg

Acqua micellare So’ Bio Etic Aloe Vera e Rosa

IMG_20170520_025722

Quest’acqua micellare l’avevo comprata tempo fa dal sito di BioveganShop insieme all’acqua micellare all’aloe vera con tappo verde che vi ho ancora linkato nell’ultimo articolo per il trattamento viso serale. Questa con tappo rosa è più indicata per pelli sensibili. Personalmente non ho problemi di sensibilità, ma ho deciso di utilizzarla perché al mattino, avendo la pelle già pulita dal trucco, volevo un’azione più rapida, profumata e delicata.

La confezione è da 500 ml e dura 6 mesi dalla data di apertura. L’odore che emana è quello di rosa e il colore è trasparente.

Vediamo l’inci:

“Aqua (Water), Anthemis Nobilis Flower Water*, Glycerin, Polyglyceryl-4 Caprate, Sodium Levulinate, Lactobacillus Ferment, Rosa Damascena Flower Water*, Sodium Benzoate, Parfum (Fragrance), Sodium Hydroxide, Lactic Acid, Bisabolol, Aloe Barbadensis Leaf Juice Powder*.

*Proveniente da agricoltura biologica”
Opinione: trovo che quest’acqua micellare sia molto soddisfacente sia per qualità (Inci buono) e sia per prezzo e quantità (9,90€ / 500 ml). Risulta molto fresca e molto profumata, Lascia la pelle asciutta. Come struccante non saprei darvi un parere perché utilizzandola solo al mattino la mia pelle è già pulita. Come voto si merita un 8 pieno, ma non credo che ricomprerò il prodotto.
Tralasciando il contorno occhi
IMG_20170520_025655
di cui vi ho già parlato precedentemente e di cui vi ho lasciato i link sopra passiamo alla:
Crema viso Equilibra linea Aloe Vera
IMG_20170520_025631
 Questa crema fa parte della linea speciale viso aloe di Equilibra. Vi lascio qui il link del sito dove è possibile visionare la scheda del prodotto.

Descrizione da sito: “ALOE CREMA VISO, è una crema contenente una elevata quantità di aloe vera (40%) ad azione idratante e lenitiva. Priva di profumazione aggiunta, si assorbe velocemente senza ungere. Formulata con componenti vegetali selezionati, priva di paraffina e di oli minerali, idrata e protegge con delicatezza la pelle del viso.

Inci: “Aloe Barbadensis Leaf Juice, Aqua (Water), Glyceryl Stearate SE, Prunus Amygdalus Dulcis (Sweet Almond) Oil, Ethylhexyl Palmitate, Cetearyl Alcohol, Coco-Caprylate, Glycerin, Aluminium Starch Octenylsuccinate, Tocopheryl Acetate, Lecithin, Tocopherol, Ascorbyl Palmitate, Citric Acid, Xanthan Gum, Sodium Polyacrylate, Phenoxyethanol, Sodium Benzoate, Sodium Dehydroacetate, Sodium Hydroxide, Potassium Sorbate, Methyldihydrojasmonate, Sodium Gluconate.”

La confezione si presenta come un classico tubetto da crema con tappo a vite. Contiene 75 ml di prodotto e il costo si aggira intorno ai 7 euro. Colorazione bianca, profumazione non troppo forte e consistenza non densa.

Pur essendo un buon prodotto con una buona formulazione, personalmente non mi sono trovata molto bene, perché ho trovato la sua consistenza troppo liquida e di difficile assorbimento. Come voto darei un 6 e mezzo. Sicuramente non ricomprerò questa crema, ma voglio comunque consigliarvi i prodotti di Equilibra, perché pur non avendo certificazioni bio alcune linee sono molto interessanti e il loro prezzo è anche abbastanza nella media. In più sono anche facilmente reperibili nei vari negozi.

Secondo Trattamento:

  • acqua micellare Nettare di Rose di Melvita (trovata nel calendario dell’avvento del giorno 25 )
  • contorno occhi Aloe di Equilibra
  • crema Nettare di Rose di Melvita (trovata nel calendario dell’avvento del giorno 15 )
 IMG_20170626_000619
Acqua micellare nettare di rose di Melvita
IMG_20170626_000659Il prodotto si presenta in una mini-size da 30 ml. Nonostante il contenuto minimal mi è durata abbastanza da farmela apprezzare particolarmente. Quello che prevale di questo prodotto è la fragranza alla rosa, che rimane sulla pelle e la rende molto fresca. Io ho utilizzato quest’acqua micellare ad inizio estate, per cui già non mi truccavo più tanto e lasciavo respirare i pori dal fondotinta, per cui anche dopo il trattamento serale la pelle era già più idratata. L’Inci è composto da 2 o 3 estratti di rose diverse che diventano gli attivi della formulazione. Vi lascio il link alla scheda del prodotto dal sito e gli ingredienti:
“Aqua/Water – Citrus Aurantium Dulcis (Orange) Fruit Water* – Glycerin – Alcohol*** – Rosa Damascena Flower Water* – Rosa Canina Flower Extract* – Rosa Damascena Flower Oil** – Caprylyl/Capryl Glucoside – Levulinic Acid – Sodium Levulinate – Sodium Benzoate – Potassium Sorbate – Parfum/Fragrance – Geraniol** – Citronellol** – Linalool** – Citral**.
* Ingredients from Organic Farming
** Natural components of fragrance
*** Made using organic ingredients”
Personalmente mi sono trovata molto bene. Mi lasciava la pelle asciutta, non secca, morbida, profumata e ben idratata.  Di veloce applicazione e la dose prelevata sul batuffolo di cotone bastava per tutto il viso. Come voto gli darei un 8 come voto, ma il prezzo è piuttosto altino (14,90 per 200 ml), per cui con riserva per ora non ricomprerò il prodotto.
Contorno occhi Equilbra all’ Aloe

 

 Il prodotto di presenta in questo mini – barattolino cilindrico da 5,5 ml e dal doppio tappo. L’erogazione è molto pratica perché simile a quella di un rossetto; basta girare la parte inferiore. Il colore è verde chiaro….e qui vi dovete fidare!! Scusate la foto, ma ha avuto un incontro ravvicinato con il pavimento e quindi non è rimasto più nulla. In uno dei prossimi trattamenti che vi mostrerò cercherò di fare delle foto migliori perché mi era piaciuto talmente tanto che ho voluto ricomprarlo.
E’ studiato per un’azione rinfrescante, liftante, drenante e per la riduzione dell’effetto bluastro delle occhiaie. Vi lascio qui il link alla scheda del sito!
Vediamo l’INCI: “Aloe Barbadensis Leaf juice, Aqua (Water), Butylene Glycol, Sodium Stearate, Glyceryn, Glyceryl Caprylate, Phenoxyethanol, Macrocystis Pyrifera, Hydrolized Wheat Protein, Pvp, Hesperidin Methyl Chalcone, Steareth-20, CI42090 (FD&C Blu N.1 Al Lake), CI19140 (FD&C Yellow N.5 Al Lake) p-Anisic Acid, Levulinic Acid, Sodium Levulinate, Terpineol, Hydroxysuccinimide, Dipeptide 2, Chrysin, Palmitoyl Oligopeptide, Palmitoyl Tetrapeptide-3.”
Nonostante l’Inci non sia cosi verde è un prodotto che mi è piaciuto parecchio. Mi piace tanto la sensazione di freschezza che si sente subito dopo l’applicazione. Fortunatamente al mattino è raro che abbia le occhiaie gonfie o blu, ma ho notato che applicandolo alla sera prima di andare a dormire al mattino la palpebra inferiore è più distesa. Il mio voto è un bellissimo 8 perché adoro questo contorno occhi, ho anche ricomprato il prodotto ma devo ammettere che 9.50 euro per 5,5 ml di prodotto sono un po’ tantini, per cui via alla ricerca di altri contorno occhi con buon inci e buona qualità ad un prezzo più basso!! Se avete consigli scriveteli perché sono curiosa di provare nuovi prodotti!!
Crema Nettare di Rose di Melvita
IMG_20170626_000850
10 ml di prodotto che ho letteralmente parsimoniato per riuscire a farmela durare più o meno come l’acqua micellare della stessa linea.
E’ stato molto difficile, ma ci sono riuscita!
Anche qui il mio voto è un bellissimo 8!
E’ idratante, è profumata, è delicata, lascia la pelle morbida e soprattutto la cosa più importante per una crema che uso al mattino, si assorbe velocemente e non appiccica.
L’unica pecca è il costo: 40 ml per  circa 26 euro!
Vi lascio qui il link alla scheda del sito per andare a curiosare!
Inci:
Aqua/Water – Glycerin – Rosa Damascena Flower Water* – Coco Caprylate/Caprate – Olus Oil/Vegetable Oil*** – Hydrogenated Coconut Acid – Butyrospermum Parkii (Shea) Butter* – Caprylic/Capric Triglyceride – Octyldodecanol – Lauryl Laurate – Arachidyl Alcohol – Jojoba Esters – Trehalose – Silica – Rosa Damascena Extract* – Rosa Canina Flower Extract* – Rosa Centifolia Flower Extract* – Rosa Damascena Flower Oil** – Acacia Decurrens Flower Cera/Acacia Decurrens Flower Wax – Helianthus Annuus Seed Cera/Helianthus Annuus (Sunflower) Seed Wax – Helianthus Annuus (Sunflower) Seed Oil – Oleic/Linoleic/Linolenic Polyglycerides – Arachidyl Glucoside – Sodium Pca – Lauroyl Lysine – Glyceryl Dibehenate – Levulinic Acid – Sodium Gluconate – Sodium Levulinate – Glyceryl Caprylate – Bisabolol* – Sodium Stearoyl Glutamate – Tribehenin – Glyceryl Behenate – Polyglycerin-3 – Biosaccharide Gum-1 – Sclerotium Gum – Xanthan Gum – Behenyl Alcohol – Bentonite – Sodium Benzoate – Potassium Sorbate – Tocopherol – Parfum/Fragrance – Geraniol** – Citronellol** – Citral** – Linalool** – Limonene**
* Ingredients from Organic Farming
** Natural components of fragrance
*** Made using organic ingredients
Terzo trattamento:
  • acqua micellare So’ bio etic con aloe vera – rosa e bisabolol
  • contorno occhi alla Rosa Canina di Cien
  • crema giorno alla Rosa Canina di Cien
IMG_20180303_033627-01.jpg
Tralasciando l’acqua micellare di cui vi ho già parlato nel primo trattamento vi mostro il contorno occhi e la crema giorno alla Rosa Canina, entrambi della linea Nature del marchio Cien facilmente reperibili nei supermercati Lidl.
Contorno occhi alla Rosa Canina di Cien – Crema viso giorno alla Rosa Canina di Cien

Entrambi questi prodotti sono certificati Natrue e hanno tutti e due delle buone formulazioni. Il contorno occhi contiene 15 ml di prodotto e costa circa 1,99 euro; la crema contiene 50 ml di prodotto e costa circa 2,99 euro. Il design del packaging è molto semplice, ma con questi colori primaverili da l’idea di freschezza. L’attivo principale è la Rosa Canina che idrata e rassoda la pelle. Il colore è bianco. La profumazione del contorno occhi personalmente non la sento quasi, quella della crema invece è molto più pronunciata, ma mi ricorda molto di più il the verde piuttosto che la rosa. La consistenza per entrambi i prodotti non è molto densa, infatti bisogna fare attenzione durante l’erogazione perché si rischia di fa fuoriuscire troppo prodotto. L’assorbimento è abbastanza rapido e sulla pelle non si ha quella sensazione fastidiosa di oleosità.

Vediamo gli INCI:

Contorno occhi –> “Acqua, Simmodsia Chinensis Seed Oil, Glycerin, Helianthus Annuus Seed Oil, Cetearyl Alcohol, Vitis Vinifera Seed Oil, Glyceryl Stereate Citrate, Rosa Canina Fruit Oil, Caprylic/Capric Triglyceride, Glyceryl Stereate, Tocopherol, Xanthan Gum, Ubiquinone, Phytic Acid, Citric Acid, Sodium Benzoate”

Crema –> “Acqua, Helianthus Annuus Seed Oil, Dicaprylyl Ether, Glycerin, Simmodsia Chinensis Seed Oil, Cetearyl Alcohol, Glyceryl Stereate Citrate, Rosa Canina Fruit Oil, Olea Europaea Fruit Oil, Glyceryl Stereate, Tocopherol, Xanthan Gum, Ubiquinone, Phytic Acid, Citric Acid, Parfum, Linalool, Geraniol, Citronellol, Limonene, Benzyl Salicylate, Sodium Benzoate”

Ad entrambi questi prodotti gli darei un 7 perché mi piacciono molto e sono anche molto convenienti. Diciamo che sono un ottimo compromesso tra qualità e prezzo da avere come scorta in casa e da usare ogni tanto in alternanza ad altri prodotti di altri marchi.

Tra i due e probabile che ricomprerò il contorno occhi perché sono i prodotti che mi terminano prima rispetto alle creme e alle acque micellari.

Spero che questo lungo articolo vi sia piaciuto e fatemi sapere se usate questi prodotti e come vi siete trovate.

Se avete consigli scrivetemeli che sono curiosa.

Vi mando un beso e vi aspetto al prossimo articolo!

😉

La ricetta del vero amore

Oggi vi porto la recensione di un altro libro di Nicolas Barreau che ho scelto per la Challenge corrispondente alla regola : “leggi un libro di un autore che hai letto e non ti è piaciuto”.
IMG_20170911_193931-01.jpg

Di Barreau ho letto “Una sera a Parigi”  di cui ho fatto una recensione qui

Ho voluto dare una seconda possibilità ai libri di questo autore. Questo in particolare è definito come prequel ad uno dei suoi libri più famosi “Gli ingredienti segreti dell’amore”

Trama in retro copertina: “È perennemente in ritardo. È bella come il sole. È socievole, estroversa e… irraggiungibile. 
L’amore di Henri Bredin – timido studente della Sorbonne, un po’ goffo e sempre puntuale – sembra del tutto senza speranza. Lui e Valérie Castel condividono la passione per gli stessi libri. Ma per Valérie, Henri è solo un compagno di studi e un buon amico, mentre per lui la ragazza con gli occhi acquamarina e il sorriso impertinente è la donna più charmante del mondo.
Quando Valérie trascorre le vacanze estive sulla Riviera ligure e perde la testa per un italiano, a Henri crolla il mondo addosso. Non ha nessuna possibilità contro quell’uomo affascinante, ricco e di dieci anni più grande di lui. O forse sì? Un giorno, curiosando tra le bancarelle di libri usati lungo la Senna, Henri si imbatte in un libricino rilegato in pelle bordeaux. Si tratta di un manuale del xvi secolo che contiene pozioni e strani infusi e promette di svelare niente meno che la ricetta dell’amore eterno, L’élixir d’amour éternel. Contrariamente a ogni logica, Henri decide di invitare a cena Valérie e di cucinare per lei un perfetto “Menu dell’amore”. Ma, tra tutte le sere possibili, quella è proprio la volta in cui la ritardataria Valérie decide di presentarsi nel piccolo appartamento di Henri in rue Mouffetard con largo anticipo… Un’incantevole e deliziosa storia sulle gioie e i dolori del primo amore e sui momenti magici della vita. Con otto “Menu dell’amore” dal libro personale di ricette di Nicolas Barreau.

Recensione:

A questo libro ho dato un voto di 3 stelline su 5 su Anobii. Il libro si compone di 107 pagine così divise: le prime 70 pagine formano tutto il racconto, le restanti 37 sono una serie 8 menù definiti “Menu dell’amore”, cosi come si apprende già dalla trama.

La lettura è scorrevole, semplice e veloce.

Ho trovato  i personaggi molto piatti anche in questo libro. Non mi hanno saputo coinvolgere e trascinare nella loro storia d’amore. Forse perché era un amore scontato e guadagnato senza troppa fatica. Nato senza un motivo interiore apparente, ma solo perché lei, Valerie è la ragazza dei suoi sogni da quando si sono conosciuti, e lui, Henri, è il ragazzo di cui lei non si accorge per nulla fino alla fine, e magicamente scatta la scintilla…..

Come ho scritto nell’altra recensione di Barreau, non è cinismo, mi piacciono le storie d’amore, ma secondo il mio punto di vista i personaggi devono essere più caratterizzati. Se la lei femminile è la classica bella ragazza che senza muovere un dito ha tutti i ragazzi che pendono dalle sue labbra, e il lui maschile e il classico ragazzo, innamorato perso di lei , che vive nella sua ombra sperando che un giorno lei si accorga di lui, personalmente non mi trasmette nulla, ma solamente una gran voglia di prenderli a schiaffi.

Neanche l’ambientazione mi ha fatto entusiasmare, a differenza di “una sera a Parigi” che almeno mi aveva fatto immaginare dei luoghi magici e un po’ vintage!

Per chi volesse leggere il libro, consiglio di leggerlo come intermezzo tra due libri più importanti!

Vi mando un bacio e al prossimo articolo! 🙂

 

 

High & Dry Primo Amore

Era da tempo che volevo leggere un libro di Banana Yoshimoto, per cui mi sono lasciata coinvolgere dall’offerta della Feltrinelli – due libri 9.90 € – e ho acquistato questo libro: High & Dry Primo Amore.

Oltre al nome dell’autrice sulla copertina, mi sono lasciata ispirare anche dall’immagine raffigurata; perché questa bimbetta, con gli occhi chiusi, i capelli a caschetto e la frangetta, intenta a leggere un libro immersa in un prato verde, mi ha trasmesso tranquillità.

IMG_20170906_191223-01

Trama sul retro:

Yuko è in grado di vedere cose che gli altri non vedono, e di indovinare i desideri e i pensieri di chi le sta intorno grazie a una sensibilità fuori dal comune. Nell’autunno dei suoi quattordici anni, tutto sembra assumere sfumature misteriose, e il mondo si popola di bizzarre creature. Yuko sta imparando ad assegnare un colore a ogni stato d’animo e a ogni emozione; a insegnarglielo è Kyu, il suo maestro di disegno, che ha il doppio dei suoi anni. Quando dal fusto di una pianta fuoriescono degli strani omini verdi, loro sono gli unici a vederli. Nello stesso istante, Yuko assapora l’incanto sottile del primo amore. Sospesa tra realtà e immaginazione, un’adolescente va incontro alla vita accompagnata dagli affetti più cari, e scopre, giorno dopo giorno, i turbamenti del cuore, la tenerezza dei sentimenti e la difficoltà di diventare grande.

Recensione:

Ho letto il libro in pochissimi giorni e gli ho dato un giudizio di 4 stelline su 5 su Anobii. La scrittura dell’autrice è molto scorrevole e semplice. La trama del libro non è per nulla banale, a differenza di come può sembrare dalla sinossi. Vengono trattati temi importanti come la differenza di età in un rapporto d’amore, descritta attraverso l’amore “platonico” che nasce tra Yuko (14 enne) e Kyu (quasi 30 enne). Vengono analizzati quindi i due comportamenti: quello di Yuko che per la prima volta si trova a vivere quelle tenere e dolci sensazioni che solo il primo amore ti trasmette, un amore che per via della differenza di età può vivere solamente nelle piccole azioni quotidiane (una telefonata, un sorriso, un abbraccio, un giro in macchina, un the…); e poi c’è l’aspetto legato a Kyu, che nonostante ami la compagnia di Yuko, si trova a frenare questo rapporto per paura, sia “legale” che “sociale”.

Un altro tema affrontato è il rapporto di coppia tra genitori, affrontato sia descrivendo quello dei genitori di Yuko, che si trovano a vivere gran parte del tempo lontano per via del lavoro del padre, sia descrivendo quello dei genitori di Kyu, genitori molto più artisti e quasi “hippy”.

Personalmente ho notato anche un altro tema, cui sono profondamente legata. Arrivati ad un certo punto della nostra vita ci si può accorgere di essere piatti caratterialmente, fermi. Beh, ci si resetta e si riparte da se stessi! La mamma di Yuko si accorge che la figlia sta affrontando un momento particolare della sua vita e ha bisogno di lei, ma lei non riesce a starle dietro. Tramite un percorso interiore riesce ad imparare dalle esperienze della figlia e a crescere, sentendosi nuovamente giovane e al passo con lei come quando Yuko era una bambina.

Un libro leggero, non per banalità ma per la capacità di Banana Yoshimoto di trattare certi argomenti. Senza troppi pensieri contorti, con la capacità di vedere anche le cose negative in maniera molto colorata. Mi ha colpito anche come abbia inserito all’interno del suo romanzo l’elemento magico descritto nel riassunto: i folletti che escono dall’albero. La storia non sfocia assolutamente in qualcosa di surreale, ma lega la realtà con il mistico a livello interiore. Alla fine del libro sei talmente soddisfatto e rilassato che non ti fai domande sul perché sono successi questi fatti “magici” inspiegati.

Tra l’altro dopo la lettura di questo libro ho scoperto cosa sono i KAPPA, personaggi di fantasia della tradizione giapponese, solitamente rappresentati come folletti verdi con il volto che ricorda quello di una rana. OK VOGLIO UN KAPPAAA! Adorabili!!!

;))

Libro consigliatissimo, soprattutto come intermezzo tra un libro di un certo spessore ed un altro, ma senza cadere nel banale. (quante volte ho ripetuto BANALE?) 🙂

Vi saluto e ringrazio tutti i nuovi followers che hanno iniziato a seguire il mio blog, nonostante in questo periodo io sia momentamente poco attiva.

Inoltre ho ricreato un profilo Instagram, e se volete aggiungermi io sono Bimbaka83!

Presto altre recensioni e vi darò un aggiornamento sulla Challenge libri che non sono riuscita a terminare nei 6 mesi decisi inizialmente, ma che ho prolungato per un 1 anno.

A presto!

 

 

Trattamento Viso Bio Sera #4

IMG_20170513_045415

Ecco i prodotti che hanno accompagnato il mio trattamento viso durante il periodo invernale\primaverile: So’ Bio Etic, Cattier, Neobio.

IMG_20170513_045613

Il primo che ho utilizzato, sia in fase di struccaggio e sia per ripulire il viso è l’acqua micellare della linea Hydra all’Aloe Vera di So’Bio Etic, che è pensata per pelli miste e grasse. Su questo avevo già fatto una recensione approfondita in questo articolo che vi lascio qui. Il 7 che gli avevo dato resta confermato, come anche il fatto che non ho avuto un colpo di fulmine e quindi non sarà presente nei miei prossimi acquisti. Rimane pur sempre una buona acqua micellare, molto delicata e non aggressiva.

 

IMG_20170513_045644 Come contorno occhi sto utilizzando il SOIN ANTI-ÂGE, ANTI-RIDES di Cattier  che ho trovato nel calendario dell’avvento del giorno 14. In realtà questo prodotto non nasce come trattamento contorno occhi, ma bensi crema viso idratante per prevenire la pelle dalle rughe.

Descrizione del sito: “La crema idratante Nectar Éternel aiuta a prevenire l’invecchiamento della pelle, ottimizzando la rigenerazione dell’epidermide. L’olio di argan biologico, ricco di vitamina E, idrata intensamente e rassoda la pelle. La combinazione di finocchio marino ed estratto di microalga verde è un vero anti-invecchiamento che riduce le rughe e fornisce elasticità alla pelle del viso. Le linee sono levigate, la pelle è rivitalizzata e radiosa.

IMG_20170513_045711Siccome si consigliava di usarla insistendo sulla parte dove le rughe potrebbero essere più pronunciate, ho deciso di usarla come contorno occhi. Essendo base Argan, la sua composizione è molto ricca, per cui la vedevo più appropriata come preparazione notturna. E’ completamente inodore e questa cosa non mi piace tantissimo. La consistenza e la texture mi piacciono molto perché si assorbe velocemente e non lascia la pelle appiccicosa. Risulta di colore bianco e densa. Io solitamente applico un po’ di prodotto sul dorso della mano e con la punta del dito cerco di distribuirlo in modo uniforme sotto gli occhi. Non avendo ancora rughe, non posso dirvi l’effetto che ha su di esse, ma ho notato che al mattino la parte di pelle sotto gli occhi risulta più morbida anche al tatto. Ovviamente le occhiaie ci sono, quelle sempreeeeeeeeee…., ma non ho gli occhi gonfi o secchi.

Passiamo all’Inci: “Aqua, Caprylic/Capric Triglyceride, Glycerin, Rosa Damascena Flower Water*, Helianthus Annuus Hybrid Oil*, Cocos Nucifera Oil*, Cetyl Alcohol, Cetearyl Alcohol, Cetearyl Glucoside, Argania Spinosa Oil*, Fagus Sylvatica Bud Extract*, Hydrogenated Vegetable Oil, Crithmum Maritimum Extract, Chlorella Vulgaris Extract, Calendula Officinalis Extract*, Sodium Benzoate, Benzyl Alcohol, Xanthan Gum, Tocopherol, Lactic Acid, Potassium Sorbate, Citric Acid

Come si può già notare dai nomi. è molto ricca di principi attivi vegetali.

Anche se nel complesso è ottima, non mi ha colpito,  per cui non sarà uno dei miei prossimi acquisti. Resto però felice di aver scoperto questo nuovo marchio di prodotti certificati e da ottimi Inci. Il mio voto è un 7 pieno. Voi conoscete questi prodotti? Come vi siete trovate?

Come step finale utilizzo questa crema della Neobio: la crema idratante 24H pensata per tutti i tipi di pelle, ma in particolare quelle più secche, perché la sua formula è molto ricca (Con Karitè, Mandorla dolce, Aloe vera). Nonostante questo aspetto corposo di primo impatto, risulta invece essere una crema che si riesce ad assorbire molto velocemente senza lasciare la sensazione di pelle unta. Sapete che io amo le creme che non si sentono e questa per me è perfetta. Sicuramente esisteranno in commercio delle creme che potrebbero avere un’azione molto più idratante di questa, ma in base al rapporto della sua qualità con il suo prezzo (circa 5 € sul sito BioveganShop) direi che è veramente una delle migliori. Inoltre ha un odore molto buono, che applicato prima di andare a dormire, mi lascia la pelle profumata fino al mattino.

 

Si consiglia di applicarla al mattino e se necessario rifare il trattamento la sera. Io ho deciso di applicarla solamente la sera, perché come base trucco risulterebbe troppo corposa e poi perché al mattino prediligo un trattamento più fresh con note di fiori e rose.  Come voto si merita un 8 e mezzo e ho già in uso attualmente la seconda confezione che ho ricomprato, per cui super promosso.

Fatemi sapere se avete provato questi prodotti. Un bacio e al prossimo articolo! 😉